CROSTINI CON CIPOLLA DI SUASA E CARCIOFO DI JESI

Oggi vi suggeriamo un aperitivo che riscopre antiche tradizioni e prodotti di nicchia delle Marche: Crostini con salsa di Cipolla di Suasa all’agresto e Carciofo di Jesi all'agresto.

 

In termini di eccellenze enogastronomiche, infatti, le Marche sono una terra davvero feconda. In particolare la Cipolla di Suasa e il Carciofo jesino, sono due specie che rientrano nel novero delle biodiversità agrarie di questa terra e sono stati entrambi inseriti nell’elenco regionale dei prodotti tipici.

 

Coltivata esclusivamente nella zona del Fiume Cesano, la Cipolla di Suasa, è una varietà molto utilizzata nel passato, quando veniva anche venduta nei mercati locali. Una produzione che unisce due comuni, quello di Castellone di Suasa e di San Lorenzo in Campo, i cui agricoltori ne hanno riscoperto la coltivazione. Tant’è che è sorta anche un’associazione per promuoverne la tutela e la valorizzazione.

 

Il Carciofo jesino, antica varietà in via d’estinzione, è stato recuperato anch’esso grazie all'impegno e alla passione di alcuni agricoltori, come quelli de La Bona Usanza, che lo hanno salvato da una scomparsa quasi certa.

Due ortaggi molto saporiti che possono essere apprezzati al meglio nella ricetta che vi suggeriamo.

Un antipasto veloce, ma molto gustoso e ottimo se consumato caldo.

Innanzi tutto serve del buon pane fresco, se cotto a legna anche meglio. Per 4 persone ne serviranno circa 8 fette. Dopo averlo tagliato, il pane va passato al forno alla temperatura di 220 gradi per qualche minuto, finché non risulterà dorato. Si sala leggermente la superficie e si regola con un po' di pepe, poi si spalma con le due salse. Si aggiusta con un leggerissimo giro di olio extra vergine di oliva…et voilà, l’happy hour è pronto.

E da bere? Un buon calice di Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore è certamente la scelta d’elezione.

Bon appetit!

Ti potrebbe anche interessare